Vai ai contenuti

La Responsabilità Civile professionale è obbligatoria dal D.P.R. 137/2012. La copertura garantisce dalle richieste di danno per errori, omissioni, negligenza professionale e responsabilità contrattuale causati a terzi ed ai clienti.


La polizza tutela i liberi professionisti dai possibili danni causati a terzi nell’esercizio dell’attività. Si è tutelati anche in caso di danni involontariamente cagionati a terzi o subìti dai dipendenti nella gestione dell’attività.
Sostanzialmente l'assicurazione obbligatoria tutela il patrimonio del libero professionista a fronte di richieste di risarcimento.

Di seguito, le garanzie inseribili in polizza:

- danni patrimoniali;
- responsabilità civile contrattuale;
- colpa lieve e colpa grave;
- dolo dei dipendenti/collaboratori;
- violazione della privacy;
- sanzioni fiscali inflitte ai clienti dell'assicurato per errore del professionista;
- costi e spese legali;
- conduzione dello studio;
- retroattività della copertura assicurativa;
- perdita di documenti;
- diffamazione ed ingiuria

L'elenco delle professioni assoggettate alla polizza è consultabile da Direttiva 2005/36/CE recepita con D. Lgs. 206/2007.

Art. 5 D.P.R. 137/2012 - Obbligo di Assicurazione

- Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall’esercizio dell’attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell’assunzione dell’incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva.

- La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce illecito disciplinare.

- Al fine di consentire la negoziazione delle convenzioni collettive di cui al comma 1, l’obbligo di assicurazione di cui al presente articolo acquista efficacia decorsi dodici mesi dall’entrata in vigore del presente decreto.

Torna ai contenuti